BLU

Perchè “Blu”

Da sempre il Blu è fonte di ispirazione per scrittori e artisti, colore pieno di significati e contraddizioni.

Il colore Blu è il simbolo della calma, della tranquillità e dell’equilibrio. Ha la capacità di generare un senso di rilassamento che regala equilibrio nella sfera emotiva.
Il Blu è il colore della pace: per questo motivo la bandiera delle Nazioni Unite è di questo colore. Sta infatti a indicare la volontà di pace e  fratellanza.
Era il colore prediletto dagli antichi Egizi, considerato il colore degli Dei. Al contrario, era un colore avverso sia ai Romani che ai Greci, perché era associato al colore degli occhi delle popolazioni barbare.
Il colore Blu dona maggiore sensibilità, stabilizzando la frequenza del battito cardiaco e tiene sotto controllo la pressione. Tutto ciò produce distensione per il corpo e tende ad allontanare il senso di ansia.

IL MIO BLU

Malinconico, rimembrante. Un colore che prima di rinascere nel contrasto dei rosa e dei gialli della primavera, passa dall’inverno. Da un mare dove il ritmo è dato dall’andare e venire delle onde e dal cielo. Una meraviglia tracciata dal passaggio di nuovi segni, nuovi fiori, nuova energia e amore di vita.

LA MOSTRA

ARTE AL 24

Finalmente è arrivato il momento di annunciare un’importante notizia.

Il mio nuovo studio a Lucca, in Chiasso Baletti 24, è aperto!

Sono orgogliosa ed emozionata di questo nuovo spazio dove potrò lavorare ed esporre al tempo stesso. Seguite gli aggiornamenti sui miei profili social per scoprire eventi e iniziative.

Dopo anni di lavoro sulle colline barghigiane, Sandra decide finalmente di esaudire un sogno che da troppo tempo era rimasto nel cassetto: aprire uno Studio in centro storico a Lucca.

Come location per la sua bottega d’Arte, sceglie il civico 24 di Chiasso Barletti – crocevia di giovani imprenditori, ad oggi annoverata come una delle vie più interessanti di Lucca.

Entrando nel nuovo spazio, si nota fin da subito la presenza carismatica dell’artista – circondata da colori, fiori e luce.

Un luogo dove lavorare e dove accogliere coloro che vogliono vedere come nascono le sue opere.

Sono orgogliosa ed emozionata di questo nuovo spazio dove potrò lavorare ed esporre al tempo stesso. Seguite gli aggiornamenti sui miei profili social per scoprire eventi e iniziative.

Un giardino tutto per me

Silenziosa, piano piano la primavera si avvicina. 
Ci porta aria fresca, nuove energie e positività.
Il progetto “Un giardino tutto per me” nasce così, spontaneo, come i primi crochi.

Un giardino è la vita. La vita è un giardino.

“La vita è come un giardino e tu sei il tuo giardiniere personale.
Puoi scegliere cosa piantare nel tuo giardino ma il vento può portarti nuovi semi. Sei sempre tu che scegli se tenerli, e quanto spazio dare loro. Sei tu il vero creatore del tuo giardino.

A volte i temporali danneggiano il raccolto, le foglie delle tue piante, i tuoi fiori e il tuo giardino richiede ancor più le tue cure e le tue attenzioni.

A volte il sole ridà vita ai fiori appassiti illuminando la tua creazione.
Se ci sono piante morte è bene toglierle, estirpare le erbacce e fare spazio a nuovi semi, a nuova vita.

Nel tuo giardino puoi accorgerti che ogni pianta necessita un tempo diverso per crescere, diversa quantità di acqua, luce e nutrimento. In un giardino ci sono piante che danno molti frutti e nutrono il tuo corpo ma anche piante ornamentali che nutrono i tuoi sensi e il tuo spirito. Ogni pianta ha una sua particolare unica bellezza, un suo unico significato, una sua unica caratteristica.

Nel tuo giardino puoi scoprire che l’amore e la cura rendono rigogliosa la vita ma anche la vita trovo un suo modo di nascere e crescere con le sole cure della natura stessa.”

Il giardino, vera metafora della vita

“La natura ci insegna la vita…ci insegna a prenderci cura, a lasciar fiorire, a estirpare ciò che non serve più. La natura ci insegna che la vita ha dei semi molto forti che se lasciati sbocciare secondo i loro tempi e modi sono in grado di affrontare tempeste e temporali in attesa di nuovi soli. La natura ci insegna che tutto ciò che esiste ha un seme forte dentro di sé che vuole solo semplicemente essere ed esistere.

È del tutto normale che le foglie si secchino e i fiori appassiscano. Soltanto se ci ripuliamo del decadimento del passato potremo realmente godere della bellezza di nuove foglie e fiori. Allo stesso modo dobbiamo ripulire la mente dell’oscurità delle brutte esperienze del passato. La vita è ricordo nella dimenticanza. Perdonate ciò che deve essere perdonato; dimenticate quel che è da dimenticare. Abbracciamo la vita con rinnovato vigore.”

Diana Cordara

Vino+arte

“Com’è vero che nel vino c’è la verità! Ti dirò tutto, senza segreti!”

William Shakespeare


Vino e Arte: un’unione perfetta.
Grazie a una collaborazione con una nota cantina lucchese, l’arte di Sandra Rigali approda sulle wine boxes.


Volete anche voi i vostri astucci personalizzati?
Scrivici usando il form qui sotto!

L’arte sui vostri muri

Il murale, è un dipinto realizzato su una parete, un soffitto o altra larga superficie permanente in muratura. Il termine indica anche il genere di pittura, ed è divenuto celebre per il movimento artistico messicano noto come “muralismo”.

Se cercate qualcosa di diverso per la vostra casa o la vostra attività, la decorazione murale è un’ottima soluzione per rinnovare un ambiente.

Con un’esperienza ventennale nel settore, possiamo consigliarvi le migliori opzioni per la realizzazione delle vostre idee.

Il wall painting è una forma d’arte contemporanea che oggi può essere concepito anche come decoro d’interni, come nell’esempio sotto:

I fiori di Hokusai, 2018

Untitled design

IMG_6459

Nella New York degli anni Sessanta la Pop Art osa l’inosabile. Dare del tu all’arte. Una confidenza che pare sconfinare nell’irriverenza.

Giù dal piedistallo, fuori dal museo. […]

Sandra Rigali fa lo stesso con tre mostri sacri delle Arti, Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio e Giacomo Puccini. Ne rispolvera brani di vita dalla naftalina della memoria. Li catapulta in un mondo in technicolor. E ce li consegna in istantanee pittoriche che avrebbero di certo condiviso con orgoglio su Facebook. Un’operazione simile in un lifting del ricordo, che fa di tre monumenti ammantati da un’aura d’intoccabilità autentiche icone pop.